Oggi, 6 gennaio, la famiglia cusmaniana ricorda il giorno della nascita della Venerabile Madre Vincenzina Cusmano, sorella del Fondatore e nostra prima superiora generale. Nelle prossime righe troverete un brano estrapolato dall’Introduzione fatta da Suor Maria Teresa Falzone al suo libro su Madre Vincenzina: “Vincenzina Cusmano – Il Cristo nell’Eucaristia e nel Povero”

 

“Guardare a lei, … alla luce di questa comprensione personale, porta a una valutazione particolare del suo approdare convinto a questa nuova forma di vita.
La convinzione per lei si pone nell’ottica della volontà di Dio, che è la bussola di tutto il suo cammino spirituale;
è una figura, la sua, che non si può comprendere al di fuori del cammino di santità,
a lei amorosamente e tenacemente indicato dal direttore spirituale, mons. Domenico Turano, e da lei costantemente seguito in tutto il suo percorso vitale.
Ed è l’ altra particolare ottica con cui … si vuol guardare a lei, nel suo costante aderire a Dio e nel  progressivo lasciarsi coinvolgere nel progetto divino a suo riguardo.
Il che è il segreto della sua accettazione del carisma cusmaniano, non certo in una forma passiva o comune, ma nella sua piena assunzione e condivisione,
sì da diventare, con il fratello, un elemento cardine dell’istituto da lui fondato.”

Siamo invitati, ancora una volta, a prenderla come modello di vita cercando anche noi di fare della volontà di Dio la nostra bussola, affinché ci lasciamo coinvolgere nel progetto divino che ci porterà ad essere strumenti nelle Sue mani. Una volta che abbiamo appreso a cercare innanzitutto Dio e la Sua volontà, il nostro contatto con il povero sacramento di Cristo, che siamo chiamate a servire diventerà un mezzo per raggiungere la santità.

Buon cammino!!!