Sabato 1° febbraio 2020

Siamo giunti al 126° anniversario del “dies natalis” della venerabile Madre Vincenzina Cusmano e ci è sembrato bello ricordarla nel contesto in cui ha vissuto, grazie ad una relazione di stampo storico ma intessuta di fatti, personaggi illustri, santi che in qualche modo hanno avuto a che fare con l’ideale di carità di Giacomo Cusmano e della sua opera. Abbiamo invitato per l’occasione il professor Augello Gaetano nativo di Canicattì, fine conoscitore e appassionato di storia e delle vicende inerenti all’ambiente anche religioso predominante nella Sicilia postunitaria.

Durante la S. Messa abbiamo ringraziato il Signore per il dono della vita consacrata alla Chiesa, grazie all’omelia di Sua Eccellenza Mons. Vincenzo Manzella, vescovo emerito di Cefalù. Egli ci ha ricordato che la Festa della Presentazione è la festa dell’incontro: Gesù incontra nel tempio di Gerusalemme Simeone e Anna, l’umanità incontra il suo Signore; l’incontro con il Signore che cambia la vita: il Beato Giacomo Cusmano, la Venerabile Madre Vincenzina e quanti accogliendo la sua chiamata ci siamo messi alla Sua sequela.

Ringraziamo tutti coloro che si sono adoperati alla buona riuscita di questo evento, a quanti hanno partecipato con vivo interesse. Ringraziamo il Signore che attraverso la Sua Parola a noi spezzata dai Suoi ministri, continua a illuminare la nostra strada: “Un’ultima considerazione: la festa della presentazione del Signore è identificata come la Festa delle luci, la candelora, come a volerci ricordare che siamo chiamati a risplendere come astri e a rifulgere in santità di vita. In queste persone capaci di risplendere e di illuminare, attingendo alle sorgenti della luce, vedo i vostri volti carissimi consacrati” (dall’ Omelia).

Sr. Cristina Laura Dumitru

 

Clicca qui per vedere il video