Clicca qui per scaricare il pdf

 

Che cos’è che fa correre l’apostolo Giovanni al sepolcro? Egli ha vissuto per intero il dramma della Pasqua, essendo molto vicino al suo maestro. Ci sembra perciò inammissibile un’affermazione del genere: “Non avevano infatti ancora compreso la Scrittura”. Eppure era proprio così: non meravigliamoci allora di constatare l’ignoranza attuale, per molti versi simile. Il mondo di Dio, i progetti di Dio sono così diversi che ancor oggi succede che anche chi è più vicino a Dio non capisca e si stupisca degli avvenimenti.

“Vide e credette”. Bastava un sepolcro vuoto perché tutto si risolvesse? Credo che non fu così facile. Anche nel momento delle sofferenze più dure, Giovanni rimane vicino al suo maestro. La ragione non comprende, ma l’amore aiuta il cuore ad aprirsi e a vedere. È l’intuizione dell’amore che permette a Giovanni di vedere e di credere prima di tutti gli altri. La gioia di Pasqua matura solo sul terreno di un amore fedele. Un’amicizia che niente e nessuno potrebbe spezzare. È possibile? Io credo che la vita ci abbia insegnato che soltanto Dio può procurarci ciò. È la testimonianza che ci danno tutti i gulag dell’Europa dell’Est e che riecheggia nella gioia pasquale alla fine del nostro millennio.

 

 

Antifona d’ingresso

Sono risorto, o Padre, e sono sempre con te. Alleluia.

Hai posto su di me la tua mano. Alleluia.

È stupenda per me la tua saggezza. Alleluia, alleluia. (Cf. Sal 138,18.5-6)

 

Oppure:

Il Signore è veramente risorto. Alleluia.

A lui gloria e potenza

nei secoli eterni. Alleluia, alleluia. (Cf. Lc 24,34; Ap 1,6)

 

Si dice il Gloria.

 

 

Colletta

O Padre, che in questo giorno,

per mezzo del tuo Figlio unigenito,

hai vinto la morte e ci hai aperto il passaggio alla vita eterna,

concedi a noi, che celebriamo la risurrezione del Signore,

di rinascere nella luce della vita,

rinnovati dal tuo Spirito.

Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio,

e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo,

per tutti i secoli dei secoli.

 

 

Prima lettura

 

At 10,34a.37-43

Noi abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti.

 

 

 

Dagli Atti degli Apostoli

 

In quei giorni, Pietro prese la parola e disse: «Voi sapete ciò che è accaduto in tutta la Giudea, cominciando dalla Galilea, dopo il battesimo predicato da Giovanni; cioè come Dio consacrò in Spirito Santo e potenza Gesù di Nàzaret, il quale passò beneficando e risanando tutti coloro che stavano sotto il potere del diavolo, perché Dio era con lui.

E noi siamo testimoni di tutte le cose da lui compiute nella regione dei Giudei e in Gerusalemme. Essi lo uccisero appendendolo a una croce, ma Dio lo ha risuscitato al terzo giorno e volle che si manifestasse, non a tutto il popolo, ma a testimoni prescelti da Dio, a noi che abbiamo mangiato e bevuto con lui dopo la sua risurrezione dai morti.

E ci ha ordinato di annunciare al popolo e di testimoniare che egli è il giudice dei vivi e dei morti, costituito da Dio. A lui tutti i profeti danno questa testimonianza: chiunque crede in lui riceve il perdono dei peccati per mezzo del suo nome».

Parola di Dio

 

Salmo responsoriale

Sal 117

Questo è il giorno che ha fatto il Signore: rallegriamoci ed esultiamo.

 

Rendete grazie al Signore perché è buono,

perché il suo amore è per sempre.

Dica Israele:

«Il suo amore è per sempre».

 

La destra del Signore si è innalzata,

la destra del Signore ha fatto prodezze.

Non morirò, ma resterò in vita

e annuncerò le opere del Signore.

 

La pietra scartata dai costruttori

è divenuta la pietra d’angolo.

Questo è stato fatto dal Signore:

una meraviglia ai nostri occhi.

 

Seconda lettura

Col 3,1-4

Cercate le cose di lassù, dove è Cristo

 

 

 

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossési

 

Fratelli, se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove è Cristo, seduto alla destra di Dio; rivolgete il pensiero alle cose di lassù, non a quelle della terra.

Voi infatti siete morti e la vostra vita è nascosta con Cristo in Dio! Quando Cristo, vostra vita, sarà manifestato, allora anche voi apparirete con lui nella gloria.

Parola di Dio

 

Sequenza

Alla vittima pasquale,

s’innalzi oggi il sacrificio di lode.

L’Agnello ha redento il suo gregge,

l’Innocente ha riconciliato

noi peccatori col Padre.

 

Morte e Vita si sono affrontate

in un prodigioso duello.

Il Signore della vita era morto;

ma ora, vivo, trionfa.

 

«Raccontaci, Maria:

che hai visto sulla via?».

«La tomba del Cristo vivente,

la gloria del Cristo risorto,

e gli angeli suoi testimoni,

il sudario e le sue vesti.

Cristo, mia speranza, è risorto:

precede i suoi in Galilea».

 

Sì, ne siamo certi:

Cristo è davvero risorto.

Tu, Re vittorioso,

abbi pietà di noi.

 

Canto al Vangelo (1Cor 5,7-8)

Alleluia, alleluia.

Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato:

facciamo festa nel Signore.

Alleluia.

 

Vangelo

Ascolta il Vangelo >

Gv 20,1-9

Egli doveva risuscitare dai morti.

 

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.

Corse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!».

Pietro allora uscì insieme all’altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.

Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario – che era stato sul suo capo – non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.

Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

Parola del Signore

 

Omelia: Padre Antonio Rungi

Cristo risorto è sempre con noi

 

La verità assoluta del mistero della risurrezione di Gesù Cristo dai morti è questa: Cristo risorto è sempre con noi. Non muore più, vive con noi, dentro di noi ed è Egli il motivo vero del nostro vivere, morire e risorgere. La Pasqua sta in questo. Non siamo fatti per morire, ma per vivere eternamente in Dio. La morte è stata sconfitta dalla vittoria di Cristo, nell’attesa della vittoria definitiva del morire umano che ci sarà nel giudizio universale. Noi viviamo tra due risurrezioni, non tra due morti o tra tanti morti. La prima fondamentale risurrezione è quella di Cristo nella sua Pasqua; la seconda risurrezione è quella che verrà e che ci sarà alla conclusione della storia dell’umanità, quando tutti risorgeremo per una vita senza più limiti di spazio, tempo, provvisorietà, precarietà, senza nessuna altra sofferenza, ma solo gioia per sempre anche nel nostro essere corporeo, trasformato in una vita nuova.

 

Non è solo Cristo il risorto, ma in lui siamo tutti risorti perché Cristo ci ha porta e continua a portare la vita. Chi sta con Cristo sta dalla parte della vita e della gioia, non soffre, non pena, non dispera, ma tutto ama, spera e vive profondamente.

 

Come gli apostoli, oggi, in questa Domenica di pasqua, siamo chiamati ad essere i testimoni del risorto con una vita degna di essere definita tale, da ogni punto di vista: da quello spirituale soprattutto a quello anche umano, relazionale, sociale, corporale. Gesù ci ha ordinato come ai suoi discepoli “di annunciare al popolo e di testimoniare che egli è il giudice dei vivi e dei morti, costituito da Dio…Chiunque crede in lui riceve il perdono dei peccati per mezzo del suo nome. Essere testimoni della misericordia di Dio. Non c’è pasqua nel nostro cuore e nella nostra vita se non siamo in pace con Dio, con la nostra coscienza, con le persone e con il mondo intero. La pasqua inizia da questa conversione del cuore alla misericordia. Nell’anno santo indetto da Papa Francesco sulla misericordia, dobbiamo sforzarci tutti nel vivere concretamente questa dimensione della risurrezione di Cristo che è la misericordia, avere, cioè, un cuore aperto al perdono, un cuore aperto a rivedere le proprie idee e convinzioni su stessi e sugli altri.

 

Con uno sguardo misericordioso sappiamo vedere la vita nella giusta direzione e prospettiva. Sappiamo, cioè, vivere la vita presenta con uno sguardo sempre proteso verso il cielo, dove ci attende la Trinità, ma anche Maria e tutti i santi del paradiso. Perciò l’apostolo Paolo, nel bellissimo brano della sua lettera ai Colossesi ci sollecita ad avere chiaro il nostro rollino di marcia: “Fratelli, se siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove è Cristo, seduto alla destra di Dio; rivolgete il pensiero alle cose di lassù, non a quelle della terra. Voi infatti siete morti e la vostra vita è nascosta con Cristo in Dio! Quando Cristo, vostra vita, sarà manifestato, allora anche voi apparirete con lui nella gloria”.

 

La Pasqua è cercare quindi le cose di lassù, cioè le cose vere, belle, certe, serie, eterne e non quelle di quaggiù, fatte di falsità, incertezze, precarietà e mondanità. La Pasqua vera che il cristiano celebra, al di là della liturgia, è quella si sentirsi con un piede in paradiso continuamente, non con un piede nella fossa e nella morte, che pure è una verità che ci riguarda e che spesso si avvera inaspettatamente.

 

Anche a noi, la Pasqua di Cristo, la sua risurrezione, come a Maria, la donna che vide per prima la resurrezione di Gesù, ci viene chiesto; cosa ha visto e cosa vuoi continuare a vedere. Raccontaci, fratello, sorella, che a che tipo di Pasqua ti sei preparato o quale Pasqua vuole davvero celebrare?

 

A noi spetta in questo giorno di gioia raccontare la stessa gioia dei discepoli che andarono al sepolcro e capirono esattamente ciò che era avvenuto: la risurrezione di Dio. Rechiamoci anche noi al sepolcro della nostra vita non fedele alla nostra chiamata alla santità e seppelliamo tutto il male che è dentro e fuori di noi. Facciamo vincere l’amore e non l’odio, la vita e non al morte, la gioia e non la tristezza, l’eternità e non la mondanità.

 

Anche noi con grande gioia nel cuore raccontiamo quello che abbiamo sperimentato in questo giorno della Pasqua di Cristo. Abbiamo visto «La tomba del Cristo vivente, la gloria del Cristo risorto, e gli angeli suoi testimoni, il sudario e le sue vesti”. Dopo di che, visti i segni della sua passione, possiamo proclamare a voce alta e forte, che “Cristo, nostra speranza, è risorto e ci precede in Galilea», cioè in quelle regioni e terre del mondo dove attendono la speranza della vita quanti hanno solo segni di morte e violenza nella loro quotidiana esistenza. Egli sta nelle periferie esistenziali del mondo e ci ha preceduto portando la vita e la gioia. Noi dobbiamo seguire a ruota il maestro che ha tracciato il solco e la strada per cambiare il mondo con i fatti e non con le sole parole buttate al vento da quei seminatori di falsità e menzogne che oggi, come al tempo di Cristo, vivono, operano in ogni parte del mondo e in tutti i luoghi e le situazioni del vivere quotidiano.

 

Anche noi portiamo l’annunci pasquale della gioia con la perenne alleluja della nostra vita e di quella degli altri, in quanto non è pasqua se a celebrarla, non solo liturgicamente, ma anche umanamente, siano poche persone e non tutto il genere umano. Egli, Gesù è risorto e nuovamente risorge per tutti gli uomini della terra, che ha bisogno di vivere e sperare, partendo dalla certezza che il nostro Maestro ci ha preceduto nella Galilea vera, nella quale attende di incontrare per sempre tutta l’umanità. Perciò, la preghiera di oggi, ben si configura al mistero che celebriamo: “O Padre, che in questo giorno, per mezzo del tuo unico Figlio, hai vinto la morte e ci hai aperto il passaggio alla vita eterna, concedi a noi, che celebriamo la Pasqua di risurrezione, di essere rinnovati nel tuo Spirito, per rinascere nella luce del Signore risorto”.

 

La Pasqua è davvero uno giorno unico e speciale per ogni cristiano che può legittimamente cantare dal profondo del proprio cuore: “Questo è il giorno che ha fatto il Signore: rallegriamoci ed esultiamo”.

 

Rallegrarsi come Maria, Giovanni, Pietro e gli apostoli che, pur nell’incertezza e nel dubbio, vanno al sepolcro e costatano la tomba vuota, come sottolinea l’evangelista Giovanni, quel discepolo che subito credette alla risurrezione: “Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette”.

 

Correre verso la vita, correre verso Gesù, correre verso la gioia, correre in fretta verso una speranza che non muore mai e che si riaccende ogni volta che ci accostiamo a Cristo con la fede degli apostoli e dei martiri, di quanti cercano Dio con cuore sincero. Correre verso il Risorto e come gli apostoli non troveremo Gesù più nel sepolcro buio della morte, ma nella luce del nuovo giorno, nella libertà di una vita che è pienezza solo ed esclusivamente in Dio. Buona Pasqua 2015.

 

Professione di fede: Credo ..

 

Preghiera dei fedeli

Fratelli e sorelle, oggi Cristo, nostra Pasqua, è risorto: la nostra salvezza è compiuta! Con gioia ed esultanza apriamo il nostro cuore al Signore per tutte le necessità della Chiesa, del mondo e della nostra vita.

Lo invochiamo dicendo: Signore, Dio della gloria, ascoltaci!

 

1. Per tutte le comunità cristiane, perché la Pasqua segni un autentico passaggio verso una vita spirituale più matura e consapevole, preghiamo.

2. Per il mondo intero, perché riconosca le meraviglie del Signore e scopra in Cristo il punto di riferimento di coloro che cercano la verità di Dio e la verità dell’uomo, preghiamo.

3. Per chi è solo e in difficoltà, perché si senta avvolto dall’amore del Signore, che lo ha chiamato a partecipare alla sua gloria, preghiamo.

4. Per noi che partecipiamo a questa Eucaristia, perché la gioia pasquale non si esaurisca in questo giorno, ma ci accompagni nella vita quotidiana, preghiamo.

 

O Signore, Dio della gloria, che conosci i nostri cuori, sostienici nei nostri propositi di rinnovamento della vita alla luce della Pasqua e accogli ogni nostra invocazione, perché il mondo intero possa riconoscere in te la fonte della vita e della speranza. Tu che vivi e regni nei secoli dei secoli.

 

Preghiera sulle offerte

Esultanti per la gioia pasquale,

ti offriamo, o Signore, questo sacrificio

nel quale mirabilmente rinasce

e si nutre la tua Chiesa.

Per Cristo nostro Signore.

 

PREFAZIO PASQUALE I

Il mistero pasquale

È veramente cosa buona e giusta,

nostro dovere e fonte di salvezza,

proclamare sempre la tua gloria, o Signore,

e soprattutto esaltarti in questo giorno

nella quale Cristo, nostra Pasqua, si è immolato.

È lui il vero Agnello

che ha tolto i peccati del mondo,

è lui che morendo ha distrutto la morte

e risorgendo ha ridato a noi la vita.

Per questo mistero,

nella pienezza della gioia pasquale,

l’umanità esulta su tutta la terra

e le schiere degli angeli e dei santi

cantano senza fine l’inno della tua gloria: Santo, …

 

Nel Canone Romano, si dice il Communicantes proprio e l’Hanc ígitur propri.

Nelle Preghiere eucaristiche II e III si fa il ricordo proprio della Pasqua e dei neo-battezzati.

 

 

Antifona alla comunione

Cristo, nostra Pasqua, è stato immolato! Alleluia.

Celebriamo dunque la festa

con azzimi di sincerità e di verità. Alleluia, alleluia. (1Cor 5,7-8)

 

Oppure:

Il primo giorno della settimana,

Maria di Magdala si recò al sepolcro di mattino,

e vide che la pietra era stata rimossa dal sepolcro. Alleluia. (Gv 20,1)

 

Oppure:

Gesù, il crocifisso, è risorto,

come aveva predetto. Alleluia.

 

Oppure alla sera, se si legge il Vangelo dei discepoli di Emmaus:

Resta con noi, Signore, perché si fa sera

e il giorno è ormai al tramonto. Alleluia. (Lc 24,29)

 

 

Preghiera dopo la comunione

Proteggi sempre la tua Chiesa, Dio onnipotente,

con l’inesauribile forza del tuo amore,

perché, rinnovata dai sacramenti pasquali,

giunga alla gloria della risurrezione.

Per Cristo nostro Signore.

 

Benedizione solenne

In questo santo giorno di Pasqua,

Dio onnipotente vi benedica

e, nella sua misericordia,

vi difenda da ogni insidia del peccato. R. Amen.

 

Dio che vi rinnova per la vita eterna,

nella risurrezione del suo Figlio unigenito,

vi conceda il premio dell’immortalità futura. R. Amen.

 

Voi, che dopo i giorni della passione del Signore

celebrate nella gioia la festa di Pasqua,

possiate giungere con animo esultante alla festa senza fine. R. Amen.

 

E la benedizione di Dio onnipotente,

Padre e Figlio e Spirito Santo,

discenda su di voi e con voi rimanga sempre. R. Amen.

 

Nel congedare l’assemblea, si canta o si dice:

 

Andate in pace. Alleluia, alleluia.

 

Oppure:

La Messa è finita: andate in pace. Alleluia, alleluia.

 

Oppure:

Portate a tutti la gioia del Signore risorto.

Andate in pace. Alleluia, alleluia.

 

R. Rendiamo grazie a Dio. Alleluia, alleluia.